Home La nostra storia

La nostra storia

Dalla prima metà del XIX sec. gioiellieri ed argentieri nel Regno delle due Sicilie

La famiglia Fecarotta

Nel 1891, nel clima di esaltazione dell'industria e dei suoi prodotti  che caratterizza la fine del secolo , Palermo è sede dell'Esposizione Nazionale  1891-1892: " grandiosa fiera della produzione e della tecnica, ma anche delle arti e del costume [...] , evento cardine nella vita economica e sociale della città" la definisce lo storico Salvo Di Matteo nel suo Palermo. Storia della città dalle origini a oggi.

 All'Esposizione Nazionale,  la famiglia Fecarotta partecipa di diritto in qualità di fornitore della Real Casa: orafi e incisori con alle spalle una tradizione antica già di un secolo,  sono animati da un gusto e una passione che si tramandano da una generazione all'altra,  correndo lungo i rami dell'albero genealogico a partire dal capostipite Giovanni Fecarota, orafo alla corte di Francesco I di Borbone (1777-1830).  Dall'Enciclopedia della Sicilia di Franco Maria Ricci si apprende che Giovanni Fecarotta dopo aver studiato disegno architettonico con Giuseppe Caporizzo, si dedicò alla cesellatura di metalli distinguendosi 'per molti ingegnosi lavori di femminile ornamento' (1830 ca) e ricevendo anche importanti commissioni [...]  come la 'gran teiera di argento con fogliami ed arabeschi [...] per Mr Fox' (1828), da identificarsi probabilmente con il barone inglese Henry Richard Vassal Fox, noto per il proprio mecenatismo[...]. E' notevole anche la  sua attività di incisore di rami che impegnò, tra gli altri, al servizio dello scenografo Luigi Tasca e per le pubblicazioni di architettura di Domenico Lo Faso duca di Serradifalco. Nel 1848 diverrà incisore  ufficiale della regia zecca".

 Capacità di innovazione e spirito imprenditoriale portano nuova linfa all'attività di questa famiglia di artisti, che nel 1866 crea una vera e propria ditta e inaugura la sua prima sede nel cuore della città.

Da Corso Vittorio Emanuele a via Principe di Belmonte

 La ditta Fratelli Fecarotta apre i battenti in Corso Vittorio Emanuele, all'angolo con via Cinturinai: argenti e gioielli sono ammirati e acquistati dall'alta borghesia cittadina e dalla nobiltà dell'isola e del giovanissimo Regno d'Italia. Numerosi sono anche i viaggiatori provenienti da tutta Europa, che nelle creazioni dei fratelli Fecarotta ritrovano lo smalto del cielo azzurrissimo, l'oro dei giardini di aranci, le forme sensuali delle rosse cupole arabeggianti. Palermo è ricca e fiabesca come non sarà più.

 Su iniziativa di Giuseppe, uno dei cinque fratelli fondatori, nel 1889 viene aperto poco distante un secondo negozio che porta l'insegna Giuseppe Fecarotta fu Nicolò.

 Nel 1934, Ciccino, figlio di Giuseppe, trasferisce il negozio al 42 di via Ruggero Settimo - la strada che collega il Teatro Massimo al Teatro Politeama, il nuovo "salotto" dei palermitani - e gli dà il suo nome: Francesco Fecarotta fu Giuseppe.

  Beppy, il figlio di Ciccino, lascia il negozio di Via Ruggero Settimo per aprirne uno nuovo nella strada adiacente, l'elegante via Principe di Belmonte: al gusto raffinato unisce un sicuro istinto di imprenditore e decide di ampliare l'attività di famiglia offrendo alla  clientela non soltanto argenti e gioielli ma anche mobili antichi, dipinti, oggetti d'arte. 

È il 24 ottobre 1961, nasce così Fecarotta Antichità.

Via Principe di Belmonte 103

 Fabrizio Fecarotta ha raccolto il testimone che gli è stato passato dal padre Beppy: insieme alla moglie Giulia e ai figli Francesco, Giuseppe (Beppy jr) e Maria Giulia porta avanti con passione, rigore e competenza l'incessante ricerca del bello  iniziata oltre due secoli fa dall'avo Giovanni, orafo del re Borbone. A lui è toccato il compito di coniugare la tradizione di famiglia con le più moderne tecnologie: oggi, Fecarotta Antichità dispone di un sito internet (www.fecarotta.net), offre ai clienti la possibilità di scegliere un regalo on line dalle liste di nozze, è presente su Facebook e lo utilizzano per pubblicizzare mostre ed eventi.

 L'attività del negozio include stime e perizie per collezioni d'arte e arredi, oltre che consulenze di restauro, per il quale si avvale poi dell'opera di esperti.

  Fecarotta antichità organizza inoltre mostre e attività culturali in collaborazione con l'Associazione Antiquari e Mercanti d'Arte Siciliani (ASAMAS), alla quale è affiliata.

Dove siamo

Via Principe di Belmonte 103b Palermo

 
 Negozio

Oggi Fabrizio Fecarotta, Giulia ed i loro figli scelgono la primavera 2014 per riproporre “Fecarotta Antichità”. Confermare una presenza sul territorio – come abbiamo visto – storica, ma farlo con la freschezza e la semplicità che i tempi moderni richiedono. Un negozio nuovo che in realtà ricalca fedelmente le scelte, il gusto, le linee del passato per restituirsi alla clientela più affezionata, ma che ha anche saputo rimodellarsi e offrire nuovi servizi sfruttando le nuove tecnologie e venire incontro alle esigenze di un mercato - sicuramente rallentato rispetto ai fasti del passato - in costante evoluzione. Potevano scegliere vie più semplici: abbandonare la tradizione per rivoluzionare; restare fedeli a loro stessi fino a non cambiare nulla; stravolgere posizionamento, volontà commerciali e seguire soltanto la moda tout-court. Hanno scelto di perpetuare la tradizione, di ricordare chi sono, chi sono stati e chi vogliono essere; mossi dalla consapevolezza che la bellezza non è un “di più”, un estetismo superficiale ma è il prendersi cura di qualcosa che c’è, esiste, va custodita, promossa e valorizzata. Ancora una volta con il cognome Fecarotta che possa garantire autenticità, qualità e quella familiarità che solo un lento tramandare di padre in figlio può assicurare.